Chiesa parrocchiale

Corona Misterica Kiko Arguello

forma ottagonale

altare al centro

tetto in legno

IMAG0026 (2)_edited.jpg

Chiesa (“ecclesia”) significa “assemblea convocata”: Chiesa siamo noi, convocati da Dio per formare la comunità cristiana, il corpo di Cristo, il tempio di Dio.
Il luogo dove questa comunità si riunisce è esso stesso immagine della Chiesa di pietre vive, perciò viene chiamato con lo stesso nome.
La costruzione della chiesa di pietre esprime il radicamento della chiesa di persone nel territorio e diventa segno della presenza di Dio in mezzo agli uomini.
Questa che abbiamo avuto la grazie di poter costruire vuole manifestare, anche nella struttura, le realtà significate:
- la forma ottagonale fa riferimento al “giorno del Signore” (la Domenica), perché Dio che ha creato il mondo in sei giorni e il settimo (Sabato) si è riposato, ha risuscitato il Figlio Gesù, “il giorno dopo il Sabato”, come se avesse inaugurato un ottavo giorno, di vero riposo e di vera gioia, un giorno eterno e bellissimo che noi intanto pregustiamo nella Domenica;
- l’assemblea è disposta tutt’intorno all’altare perché nessuno è spettatore ma tutti insieme siamo i soggetti attivi della celebrazione;
- il sagrato (piazzale) a ventaglio vuole essere segno di accoglienza per chi si avvicina ed invio al mondo per chi riparte nutrito di Cristo.
- i locali per tutte le attività pastorali sono molti e in chiara evidenza perché la vita della Chiesa, che prende origine e culmina nella Eucaristia, si sviluppa nelle molte attività quotidiane, di evangelizzazione, di catechesi, di vita di gruppo, di preparazione ai sacramenti, di aiuto ai bisognosi e di incontro in genere.
- la forma dell’intero complesso vuole essere quasi un abbraccio, perché ognuno possa sentirsi accolto e riconoscersi parte viva di questo corpo.

IMAG0027 (2).jpg
Cappella del SS. Sacramento

A chi serve la chiesa?

Non a Dio! A Lui non dà gloria un edificio di pietra.
La gloria di Dio è l’uomo vivente!

Colui che l’intero universo non può contenere si compiace di dimorare nel cuore dell’uomo ricreato a sua immagine. Per questo si china su di noi e ci chiama, ci convoca per essere suo popolo, per essere santi come Lui è Santo.
Gesù ci fa conoscere il Padre e ci unisce a sé per formare con lui un solo corpo ed essere anche noi figli di Dio. Questi figli di Dio formano l’“Assemblea Convocata”, cioè la Chiesa; quando essa è radunata si visibilizza il Corpo di Cristo.
Un edificio serve “solo” a contenere questa Assemblea, ma di essa deve manifestare la dignità e l’onore. E si riempie di Gloria quando Cristo, insieme a tutto il suo Corpo, rende il culto spirituale di lode e ringraziamento al Padre.
È questa l’Eucaristia, quella che normalmente chiamiamo “Messa”.
Tutti siamo chiamati a saziarci al Banchetto che Dio prepara per noi, anche difronte ai mali e ai nostri problemi. Tutti possiamo riprendere vigore, coraggio e vita attingendo alla fonte che è Cristo. Tutti Lui vuole colmare di gloria, dignità e di onore: persone rinate, da cui sgorghi una gratitudine e una lode incessante alla sua misericordia.

Nel “Giorno del Signore”, la Domenica, radunati in questo luogo, esprimeremo questa liturgia di lode nella sua forma più alta e più degna per noi e per Lui.

A noi serve la chiesa!